Marina Abramović e Ulay – MoMA 2010

L’arte è la forma d’espressione umana che deve avere la capacità di produrre cose: idee, energia, ispirazione… ma soprattutto emozioni, di qualsiasi gradazione.

Durante la sua incredibile ed estenuante performance “The Artist is Present“, Marina Abramović resistette per ben 30 giorni stando per moltissime ore seduta di fronte a migliaia di persone che, una alla volta, si rendevano partecipi di un’opera darte vivente e in divenire. Ogni incontro di sguardi provocava qualcosa sia nell’artista che nella persona che le si trovava di fronte: amore, ripulsa, felicità, tristezza, tenerezza, gelosia, odio, venerazione.

In questo video, però, è raccolta la testimonianza del momento in cui Ulay, il primo grande amore della vita della Abramović nonché il suo primo grande parnter nelle performance artistiche, la reincontra dopo tanto tempo. In quello sguardo si scioglie in una stretta di mani, sta tutto il non detto e il non dicibile di ciò che resta dell’amore. Le immagini parlano da sole.

Buona visione.

Potrebbero interessarti

Alejandro Jodorowsky

Alejandro Jodorowsky: Qual è il senso della vita?

Il senso della vita secondo lo scrittore e drammaturgo cileno Alejandro Jodorowsky. Cominciamo la settimana delle nostre proposte per la WebTV con questi pochi minuti che speriamo alimentino la vostra volontà di cercare dentro voi stessi il cammino giusto da percorrere ogni giorno. Buona visione!

they are the last 2

They are the last

Immagini e suoni che documentano la vita di un solitario guardiano del faro in Uruguay   Leonardo Da Costa è un guardiano del faro di stanza a Cabo Polonio, un promontorio sperduto in un tratto di costa uruguaiana ricco di naufragi e tesori sommersi. La luce di Cabo Polonio...

Charles Bukowski

Charles Bukowski: “The Laughing Heart” letta dall’autore

“The Laughing Heart” letta dallo stesso autore Charles Bukowski   Traduzione del Testo La tua vita è la tua vita, non lasciare che sia bastonata fino all’umidiccia sottomissione, stai in guardia. Ci sono vie d’uscita. C’è luce da qualche parte, può non essere molta luce, ma sconfigge la tenebra....

»