La magia delle bolle di sapone ghiacciate

Saranno questi giorni di afa inattesa, sarà perché comunque ci piace cercare la meraviglia là dove spesso dimentichiamo di cercarla, ma ci siamo innamorati di questo breve video, splendidamente realizzato, dove si vede che cosa accade alle bolle di sapone quando si trovano a contatto con la neve in un ambiente molto freddo.

L’autore scrive sotto al video

L’ispirazione di questo video è stata una conversazione con mia figlia di 3 anni mentre si vestiva per uscire:
– Papà, non voglio mettere la giacca. – si lamentava
– Anch’io, tesoro, ma fuori fa molto freddo. – Ho spiegato
– Quanto freddo?
A questo punto dovevo trovare una risposta interessante che potesse soddisfare la curiosità di un bambino in età prescolare, così ho detto:
– Fa così freddo che anche le bolle di sapone congelano, è davvero bello, sai?
Ho visto uno scintillio nel suo occhio, così le ho promesso di fare un piccolo film per mostrarglielo. Era così entusiasta di questa idea che naturalmente si è dimenticata di non volersi mettere la giacca. Non è stato facile catturare quelle bolle perché solo il 5-10% circa di esse non si sono rotte istantaneamente e come potete immaginare è stata una sfida essere pazienti a -15 gradi 😉 ma ne è valsa la pena perché ora che mia figlia l’ha visto, l’inverno per lei è diventato “magico”.

Buona visione a tutti voi!

Credits & Instruments

Music: “Ice Chimes” by Lee Rosevere 

Canon EOS 6D
Canon 24-70 f2.8L
Canon Extension Tube
Color Graded with FilmConvert in FinalCut

Potrebbero interessarti

Copertina Lividi d’angoscia Web Ombra

Elena Cardona, Lividi d’angoscia

Un viaggio emotivo, attraverso la poesia e l’illustrazione, nella mente di una ragazza che convive da anni con il disturbo borderline di personalità   Un progetto originale dedicato alla produzione giovanile, che vede la collaborazione di una poetessa e di un artista visivo. In origine esisteva un libro di...

Copertitna Un ombra è soltanto un ombra WEB

Leandro Giribaldi, UN’OMBRA E’ SOLTANTO UN’OMBRA

Ventotto maestri del passato raccontano che cos’è – per loro – il cinema. Con umiltà, orgoglio, reticenza, perentorietà, contraddizioni: quello che c’è dietro la scelta di un soggetto, di un’inquadratura, di un certo tipo di illuminazione, della recitazione di un’attrice o di un attore, del montaggio, di un particolare...

Copertina FAllendo si impara Web

Laura De Benedetto, FALLENDO SI IMPARA

Si impara di più dai fallimenti che dai successi, perché sono gli errori che ci fanno crescere.   Fallendo si impara è un libro a due facce: quella che racconta casi umani, con cui entrare in empatia, o con cui, in parte, identificarsi, percorrere le emozioni e i sentimenti,...

»