Another World – E se per vivere dovessimo respirare sott’acqua? [Cortometraggio]

Questo video molto artistico ed evocativo nasce da uno spunto onirico… cosa succederebbe se venissimo trasportati in un altro mondo dove per sopravvivere dovessimo respirare sott’acqua?

“Another World” è un cortometraggio concettuale realizzato da Marta Bevacqua per Pegase Music. Vi consigliamo di visitare entrambi i link per accedere a numerose risorse audio e di immagini di notevole interesse.

Credits:

A film by Marta Bevacqua
with Juliet Searle, Alexia Giordano
Cinematographer: Alfredo Altamirano
Music: Pegase
Producer: Laurent Cantin (Atlan Tilas 2016)
Make-up: Meyloo @ Bagency
Editor: Celia Nicolas
Assistant Director: Valentine Caille
Colorist: Remy De Vlieger
Steadicam Operator: Gregory Dupé
Assistant Camera: Tanguy Cadieu
Catering: Marie Jeanne Foucher

Extras: Anna Rakhvalova, Nadia Tereszkiewicz, Laura Gaulard Querol, Solenne Jakovsky, Steven Reti, Piergab Pichon, Tara Ziegfeld

Potrebbero interessarti

pinocchio di roberto innocenti

Il Pinoccchio di Roberto Innocenti e Fiorenzo Carpi

La nostra proposta di oggi nella WebTV è uno slideshow di alcune delle bellissime tavole del Pinocchio di Roberto Innocenti: un lavoro artistico apprezzato e premiato in tutto il mondo, in questa occasione affiancato alle meravigliose note della colonna sonora originale di Fiorenzo Carpi. Approfittiamo per segnalarvi il Sito...

strandbeest 2

Strandbeest: le sculture di Theo Jansen che camminano nel vento

Perché un artista dovrebbe investire anni della propria vita per ideare e costruire sculture in grado di muoversi da sole con il vento? Sta dentro a questo mistero insondabile tutta la bellezza dell’arte, tutta la meraviglia dell’invenzione umana, dell’immaginazione: le espressioni più alte della trasformazione di un sogno in...

steve cutts

“Happiness” di Steve Cutts [Cortometraggio di animazione]

Happiness, felicità per tutti in questo corto di animazione acuminato di Steve Cutts. È davvero questa la società che vogliamo per noi e i nostri figli? Il consumismo diffuso e il lavoro, come fine e non come mezzo, trasformano l’umanità in un gruppo di topi impazziti.

»