Virtuosismo e sorrisi: la pazza musica classica delle Salut Salon

La musica classica troppo spesso viene immaginata come qualcosa di colto, pesante. Ma la catalogazione dei generi musicali, benché fondamentale a livello filologico e storico, spesso dimentica che la musica che ci arriva dal passato è stata la tradizione popolare dei nostri avi. Ogni tanto è piacevole smitizzare l’aura claustrale della classica. Oggi la nostra WebTV lo fa attraverso un quartetto di bravissime interpreti, virtuose quanto divertenti, le Salut Salon: il loro repertorio comprende musica classica, temi di musica folk e colonne sonore cinematografiche, così come canzoni originali, tango, musica pop, spettacoli di burattini e acrobazie strumentali, “un crossover che sfida la classificazione rigorosa di musica classica e popolare.”

In questo divertente brano, si cimentano attorno al tema de L’Inverno, tratto da “Le quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi.

Buon ascolto!

Potrebbero interessarti

no 1

Divergente chi? Divergente Come?

Esempi di divergenza applicata  2: il cinema. Dopo aver parlato dei personaggi divergenti delle serie televisive, proseguiamo con il cinema. Anche la produzione cinematografica presenta molti personaggi protagonisti o co-protagonisti divergenti. Molti di loro sono ancora autistici, come in Rain man, con la magistrale interpretazione di Dustin Hoffman, in...

Daniil Trifonov

Daniil Trifonov – Fantaisie-Impromptu In C-Sharp Minor, Op. 66 – Chopin

Una magistrale interpretazione della Fantasia Improvvisa in Do# minore di Chopin da parte di Daniil Trifonov: stella luminosissima del panorama classico attuale. Il personaggio Trifonov ha avuto la capacità, come in questo caso, di portare la magia della musica classica anche in contesti televisivi più giovani e non soltanto nei più importanti...

seattle art museum

Come promuovere un museo [Spot]

Come promuovere un museo, tanto più se dedicato all’arte contemporanea? Vi mostriamo questo spot di qualche anno fa che ci mostra come hanno deciso di procedere i curatori del Seattle Art Museum del quale vi consigliamo anche di visitare il sito Web. Buona visione!

»