Virtuosismo e sorrisi: la pazza musica classica delle Salut Salon

La musica classica troppo spesso viene immaginata come qualcosa di colto, pesante. Ma la catalogazione dei generi musicali, benché fondamentale a livello filologico e storico, spesso dimentica che la musica che ci arriva dal passato è stata la tradizione popolare dei nostri avi. Ogni tanto è piacevole smitizzare l’aura claustrale della classica. Oggi la nostra WebTV lo fa attraverso un quartetto di bravissime interpreti, virtuose quanto divertenti, le Salut Salon: il loro repertorio comprende musica classica, temi di musica folk e colonne sonore cinematografiche, così come canzoni originali, tango, musica pop, spettacoli di burattini e acrobazie strumentali, “un crossover che sfida la classificazione rigorosa di musica classica e popolare.”

In questo divertente brano, si cimentano attorno al tema de L’Inverno, tratto da “Le quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi.

Buon ascolto!

Potrebbero interessarti

Human The Movie

“Human’s Music”: la ricchezza della diversità [FILM]

La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto. – Charles Bukovski Umanità… quanto sarebbe più facile leggere l’altro se conoscessimo la parte di mondo dov’è cresciuto, se avessimo la forza di scrutare le storie dietro ai volti, come fa benissimo questo meraviglioso film-documentario...

textless

“Textless” – La rivolta delle pubblicità [Cortometraggio]

Questo breve ma ben ingegnato cortometraggio è una vendetta per tutti noi costretti ogni giorno, consciamente o inconsciamente, a subire migliaia di stimoli visivi creati sottoforma di logo, scritte pubblicitarie, cartelloni, insegne e chi più ne ha più ne metta. Le lettere e i simboli, in questo cortometraggio diretto...

pugilato

Il pugilato secondo Buster Keaton e Charlie Chaplin [VIDEO]

Non c’è bisogno di presentazioni, quando si parla di personaggi del calibro di Charlie Chaplin e Buster Keaton. La loro comicità è ancora apprezzabile con il mutare del tempo? Noi pensiamo di sì. Buona visione con il pugilato meno cruento della storia.

»