Violenza Domestica: “My father’s room” [Cortometraggio animato]

Questo lungo periodo di lockdown che ha sconvolto le abitudini quotidiane di tanta parte della popolazione mondiale, tra gli altri problemi ha messo in risalto quello devastante della violenza domestica.

L’arte in questi casi riesce a raccontare di più e meglio certi fenomeni, arrivando al cuore dei problemi attraverso metafore grafiche che permettono di cogliere tutte le sfumature d’intensità che un video con attori veri non potrebbe raccontare meglio.

È il caso di questo “My father’s room”: un video di animazione che, attraverso un disegno dal tratto minimale, lascia che una parte fondamentale del racconto si svolga nella testa dell’osservatore. La metafora di questo video è potentissima e la narrazione non indulge ad una semplice condanna ma si spinge molto più in là, cercando di scovare tutte le angolazioni del problema per dimostrare prima di tutto che fenomeni come questi sono complessi e che serve quindi un’analisi complessa per affrontarli e, sperabilmente, risolverli.

Per questo abbiamo deciso di accompagnare la visione di questo video alla segnalazione del libro “Una vita non violenta” di Fabrizia Paloscia, edito dalla nostra casa editrice, perchè riteniamo che possa essere un punto di partenza importante per approfondire la tematica e suggerire una strada comune per la prevenzione della violenza domestica, del femminicidio e del family mass murder attraverso la responsabilità sociale centrata sulla famiglia.

Fateci sapere quali emozioni vi suscita questo corto.

Potrebbero interessarti

corpo che danza – the performer

“The Performer”: l’essenza più pura di un corpo che danza [Video]

The Performer è un progetto nato sulla curiosità di scoprire cosa avrebbe generato registrare un corpo che danza e riprodurlo grazie alle animazioni point-cloud. Utilizzando tecniche di regia volumetrica, gli autori hanno cercato di catturare lo spirito umano che balla nella sua forma più pura e anonima. Creato con...

nanni moretti caro diario

Nanni Moretti: La genesi di “Caro Diario” [Video]

In questo breve video Nanni Moretti racconta come è nato Caro Diario: inizialmente la sua idea era quella di realizzare un cortometraggio delle sue passeggiate estive in Vespa, lungo le strade quasi deserte di Roma. A seguire invece decise di girare anche gli altri due capitoli, quelli dedicati alle isole...

Cambiare il cambiamento

Cambiare il cambiamento

Micro-manuale di crescita personale in forma di aforismi e citazioni da maestri di evoluzione  

»