Sofia Caviezel, La mia anima non è autistica

Le vicende di Ananda, adolescente autistica che vive con la famiglia fra le colline del Piacentino, e che in una breve vacanza che ha il sapore di una iniziazione, comprende per la prima volta cosa significa confrontarsi con una dimensione parallela ma non disgiunta da quella dei normali, e comincia a diventare adulta, a prendere decisioni a volte dolorose ma necessarie.

 

La mia anima non è autistica è il secondo romanzo della trilogia scritta da Sofia Caviezel. Il romanzo narra in prima persona le vicende di Ananda, adolescente autistica che vive con la famiglia fra le colline del Piacentino dopo un’infanzia trascorsa su un camper in giro per l’Italia con la madre Anna e il padre adottivo Liam. Ananda scopre per la prima volta la possibilità di intessere relazioni non mediate dai genitori, si avventura in un mondo, quello dei normali, che fatica a comprendere ma che la affascina.

Le restano paure e insicurezze dell’infanzia, a volte ha crisi di panico o di rabbia che la trascinano fuori di sé e la lasciano abbattuta e spaesata, ma ha una capacità di resilienza sorprendente e non comune, soprattutto fra persone con la sua patologia: Ananda crede nelle cose dell’Universo, come definisce una spiritualità innata che la accompagna da sempre e dà un senso a ogni aspetto della vita sua e degli altri. E’ convinta che le anime delle persone, e di ogni essere, scelgano in qualche modo il loro percorso terreno allo scopo di evolvere verso una saggezza salvifica e appagante, siano in cammino verso un mondo interiore e universale migliore, fatto di pace e consapevolezza.Accompagnata dal cane Rover e occasionalmente da qualche compagno di scuola che accetta le sue stranezze, Ananda percorre le strade della Valtrebbia e i suoi boschi, si perde a stare, come lei definisce lo stato meditativo, incontra ragazzi di cui si innamora in modo fresco, spontaneo, ma non privo di dubbi e incertezze. Affronta un microcosmo di persone problematiche, alcune delle quali autistiche, in una breve vacanza che ha il sapore di una iniziazione: comprende per la prima volta cosa significa confrontarsi con una dimensione parallela ma non disgiunta da quella dei normali, e comincia a diventare adulta, a prendere decisioni a volte dolorose ma necessarie.

La particolarità del romanzo risiede nei due filoni che lo compongono: l’autismo, argomento negli ultimi anni sempre più conosciuto e dibattuto in ambito medico, scolastico e riabilitativo, e la spiritualità, che vede una continua espansione sia pratica sia letteraria. “La mia professione di neuro-psicomotricista per venticinque anni mi ha portata a conoscere il mondo di bambini e ragazzi disabili, in particolar modo autistici. Questo mi ha permesso di guardare alla protagonista del mio romanzo senza falsi pietismi, ben consapevole della realtà spesso dura e incomprensibile di queste persone. Ho potuto però anche vederne, almeno a volte, la potenzialità e la capacità di trarre dalla vita occasione di libertà, di crescita e espansione. Non amo definire “speciali” le persone disabili in modo generico: non tutti lo sono, e le generalizzazioni valgono quel che valgono. Ho voluto parlare di una persona unica e particolare, che non conosce etichette, che impara a confrontarsi con esse ma rifiuta qualsiasi costrizione e imposizione, e che cerca, in modo del tutto personale, di capire il senso profondo della propria vita.”

Sofia Caviezel è nata a Milano nel 1958, ma vive da venticinque anni nella campagna Lodigiana. E’ stata danzatrice, coreografa e insegnante di danza per quindici anni, lavorando con professionisti, bambini e adolescenti. Laureata in Terapia delle neuro-psicomotricità ha lavorato per venticinque anni in ambito riabilitativo, in particolare modo con persone autistiche o portatrici di disagio psichico e sociale, sia bambini sia adolescenti. Attualmente si dedica alla genitorialità, dalla gravidanza in poi, con corsi, trattamenti e seminari in ambito di benessere olistico. La sua ricerca spirituale va dal Reiki alle teorie sulla Nuova Energia, alla meditazione e al rapporto corpo-mente-spirito: si tratta di un percorso personale e “anarchico”, in cui sperimentare e approfondire la base di un sentire libero da dogmi, gerarchie e strutture.

Ha pubblicato il primo romanzo della trilogia di Ananda, L’universo le cose le sa, con Leucotea Edizioni di Sanremo. Precedentemente ha pubblicato tesi articoli e saggi sulla professione di psicomotricista in riviste di settore (Riabilitazione oggi, I quaderni di Niguarda, Rivista Psicomotricità) e diverse poesie (Edizioni Pagine, L’agenda del poeta, Piccola antologia poetica). Nella collaborazione con la Comunità Artemisia di Cavenago d’Adda, per ragazze adolescenti, ha curato l’edizione di Urlo, libro tratto dal laboratorio di scrittura creativa e poetica edito da Odon. Attualmente fa parte del gruppo Atrio della poesia di Lodi con cui organizza letture pubbliche ed eventi letterari.

Titolo:    LA MIA ANIMA NON E’ AUTISTICA

Autore: Sofia Caviezel

ISBN: 978-88-32114-20-1

Collana: Rovesciare la mente

Pagine: 288, Brossura

Anno pubblicazione: 2020

Prezzo: 12,00€

Leggi un’anteprima del libro, apri il PDF:  Anteprima La mia anima non è autistica

Guarda il trailer del libro:

Potrebbero interessarti

Copertina Lividi d’angoscia Web Ombra

Elena Cardona, Lividi d’angoscia

Un viaggio emotivo, attraverso la poesia e l’illustrazione, nella mente di una ragazza che convive da anni con il disturbo borderline di personalità   Un progetto originale dedicato alla produzione giovanile, che vede la collaborazione di una poetessa e di un artista visivo. In origine esisteva un libro di...

manoscritto-giulietta-romeo

Giulietta e Romeo di Luigi da Porto

La novella originale che ha ispirato Shakespeare Historia novellamente ritrovata di due nobili amanti, con la loro pietosa morte, intervenuta già nella città di Verona. Nel tempo del Signor Bartolomeo dalla Scala Una delle storie più universali e famose al mondo è senza dubbio quella di Giulietta e Romeo,...

mandalablog

PERCHÈ COLORARE I MANDALA

  Ovvero come rilassare la mente stimolando le onde alfa Entrare in contatto diretto con i colori permette di emergere dal proprio contesto quotidiano e comunicare con l’inconscio, uscendo poi rinnovati e rigenerati da questa immersione nel nostro mondo interiore. I colori infatti sono strettamente legati alle nostre emozioni,...

»