Vanessa Barra Parisi, Anima 2.0 – Il monologo della coscienza

Una giovanissima autrice racconta il suo amore travagliato e la sua crescita interiore, con il linguaggio del flusso di coscienza

 

Angeli e demoni. Bianco e nero. Giusto e sbagliato. L’eterno conflitto interiore di una giovane ragazza che entra nel mondo del lavoro e inizia a conoscerlo, in tutti i suoi aspetti, entra in quella che fino ad allora era stata percepita come la “realtà dei grandi”. Scegliere di amare il proprio carnefice, incapace di amare se stessa. Imparare ad adattarsi e subire, impotente di qualsiasi forma di ribellione. Reprimere e soffocare la voce del silenzio della propria anima, stipulando un patto con il diavolo. Così che l’anima muore e marcisce, come tutte le cose e le persone che ama. Ferite mai curate che continuano a sanguinare nel presente impedendole di aspirare ad un futuro migliore. Perde, in questo modo, ogni forma di empatia verso il prossimo. Dipendenze che arrivano ad essere le sue migliori amiche, che placano l’enorme angoscia con cui convive. Sollievo apparente, distruzione lenta. Smettere di “essere” e scegliere di “diventare” come tutte le cose che ha sempre criticato, per affermarsi nella società odierna affogata nell’ipocrisia. Questa è la mia storia. Prima di partire per il mio lungo viaggio, ho consegnato le chiavi del cuore alla mia coscienza. Quando sono tornata, ho trovato la mia anima ad aspettarmi. Scrivere mi ha salvato la vita.

Chi è Vanessa Barra Parisi

È nata nel 1996 e cresciuta a Torino. Diplomata in Ottica e abilitata alla professione, ha iniziato a scrivere nel proprio diario segreto, quando, per il suo settimo compleanno lo ricevette in regalo dai genitori. Questo è il suo primo romanzo. Di se stessa racconta: “Mi piace immergermi nelle storie delle persone. In tutti quei vissuti, in cui riesco a trovare un po’ di me, in tutte quelle persone che hanno tanto da dire, ma che per qualche ragione non sempre riescono a raccontarsi. Mi piace sorridere e pensare positivo, soprattutto nei momenti più bui. Mi piace pensare che anche le giornate più brutte passano, esattamente come tutte le altre. Non saprei rispondere alla domanda ‘perché scrivi?’. La verità è che non lo so neanche io, e, forse, una risposta non c’è. Scrivo perché, probabilmente, è l’unico attimo in cui mi sento ‘giusta’, anche nel momento sbagliato. Mi sento leggera e sento di poter diventare esattamente chi voglio essere in quel preciso istante. Scrivere mi rende coraggiosa, perché riesco a far connettere così tanti pensieri che se dovessi esprimerli a voce non saprei da dove iniziare. Quando scrivo sono io, semplicemente. Il foglio bianco è da sempre il mio migliore amico. È l’unico amico che sa ascoltarmi, senza poi sentire l’esigenza di giudicare il silenzio della mia coscienza e l’infinito trambusto della mia anima”.

Titolo:    ANIMA 2.0

Autore: Vanessa Barra Parisi

ISBN: 978-88-32114-17-1

Collana: Lo sguardo giovane

Pagine: 160, Brossura

Anno pubblicazione: 2020

Prezzo: 12,00€

Leggi un’anteprima del libro, apri il PDF:  Anteprima Anima 2.0

Vedi la video intervista con l’autrice:

Potrebbero interessarti

Copertina Lividi d’angoscia Web Ombra

Elena Cardona, Lividi d’angoscia

Un viaggio emotivo, attraverso la poesia e l’illustrazione, nella mente di una ragazza che convive da anni con il disturbo borderline di personalità   Un progetto originale dedicato alla produzione giovanile, che vede la collaborazione di una poetessa e di un artista visivo. In origine esisteva un libro di...

manoscritto-giulietta-romeo

Giulietta e Romeo di Luigi da Porto

La novella originale che ha ispirato Shakespeare Historia novellamente ritrovata di due nobili amanti, con la loro pietosa morte, intervenuta già nella città di Verona. Nel tempo del Signor Bartolomeo dalla Scala Una delle storie più universali e famose al mondo è senza dubbio quella di Giulietta e Romeo,...

mandalablog

PERCHÈ COLORARE I MANDALA

  Ovvero come rilassare la mente stimolando le onde alfa Entrare in contatto diretto con i colori permette di emergere dal proprio contesto quotidiano e comunicare con l’inconscio, uscendo poi rinnovati e rigenerati da questa immersione nel nostro mondo interiore. I colori infatti sono strettamente legati alle nostre emozioni,...

»