Strandbeest: le sculture di Theo Jansen che camminano nel vento

Perché un artista dovrebbe investire anni della propria vita per ideare e costruire sculture in grado di muoversi da sole con il vento? Sta dentro a questo mistero insondabile tutta la bellezza dell’arte, tutta la meraviglia dell’invenzione umana, dell’immaginazione: le espressioni più alte della trasformazione di un sogno in realtà.

Quello che dovremmo chiederci quotidianamente, piuttosto, è perché troppo spesso l’umanità si chiuda nella monotonia della reiterazione continua di azioni a comando; perché tema la libertà nascondendosi dietro a un calendario di impegni sempre più congestionato.

Quello che ha mosso i passi dell’umanità dalla posizione eretta fino allo spazio più profondo, è stato il matrimonio tra l’immaginazione e la manualità, tra il possibile e la progettualità. Ma soprattutto è l’astrazione che, paradossalmente, ci ha tenuti con i piedi per terra.

La gioia dell’incredibile reso realtà è la miglior colazione per il nostro cervello. Non dimentichiamo di osare. Tutto il resto è contorno.

 

Potrebbero interessarti

tutto è già stato detto

Tutto è stato già detto, eppure è come se non lo sapessimo

Tutto è stato in qualche modo già detto e, come sostiene il copywriter James Webb Young… Un’idea non è altro che una nuova combinazione di vecchi elementi. Così una novità, secondo questa teoria, non è altro che una combinazione diversa di elementi conosciuti. Ciononostante, l’umanità si pone continuamente domande,...

fauve

L’età dell’innocenza e il senso del pericolo: “Fauve” [Cortometraggio]

Il cortometraggio che vi proponiamo oggi è un’incredibile produzione canadese del regista Jeremy Comte che parla di quanto sia meravigliosa e contemporaneamente pericolosa l’infanzia; di come l’innocenza e l’incoscienza dei bambini, messe di fronte alla forza della natura che non va mai sottovalutata, possa condurre a situazioni potenzialmente catastrofiche....

»