Strandbeest: le sculture di Theo Jansen che camminano nel vento

Perché un artista dovrebbe investire anni della propria vita per ideare e costruire sculture in grado di muoversi da sole con il vento? Sta dentro a questo mistero insondabile tutta la bellezza dell’arte, tutta la meraviglia dell’invenzione umana, dell’immaginazione: le espressioni più alte della trasformazione di un sogno in realtà.

Quello che dovremmo chiederci quotidianamente, piuttosto, è perché troppo spesso l’umanità si chiuda nella monotonia della reiterazione continua di azioni a comando; perché tema la libertà nascondendosi dietro a un calendario di impegni sempre più congestionato.

Quello che ha mosso i passi dell’umanità dalla posizione eretta fino allo spazio più profondo, è stato il matrimonio tra l’immaginazione e la manualità, tra il possibile e la progettualità. Ma soprattutto è l’astrazione che, paradossalmente, ci ha tenuti con i piedi per terra.

La gioia dell’incredibile reso realtà è la miglior colazione per il nostro cervello. Non dimentichiamo di osare. Tutto il resto è contorno.

 

Potrebbero interessarti

cortometraggio pluripremiato

[Cortometraggio pluripremiato]: Piccole cose di valore non quantificabile

Cortometraggio di Paolo Genovese e Luca Miniero con Gianni Ferreri e Fabrizia Sacchi che ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti in vari Festival e Premi cinematografici. Quando la burocrazia ha a che fare con l’umanità: una bellissima metafora in questi intensi e piacevoli 10 minuti di video.

Cibo

Dalla Russia un cortometraggio sul cibo che fa riflettere

Dalla Russia arriva un cortometraggio surreale e grottesco costruito in stop-motion. Secondo voi, al di là del surrealismo, qual è il messaggio che si vuol sottintendere, se ce ne fosse uno? Una metafora del consumismo? La lotta dell’uomo sull’uomo? Oppure si tratta di un semplice ma brillante gioco di...

»