“Gli USA contro John Lennon”: un documentario politico su uno dei personaggi più carismatici del ‘900

Gli USA contro John Lennon non è un video-documento che parla di musica e dei Beatles, ma del rapporto di amore e odio che una nazione, gli Stati Uniti, ha avuto dal punto di vista politico con questo personaggio carismatico e sopra le righe.

Lennon, soprattutto nel decennio che va dal ’66 al ’76, ha incarnato le istanze di una parte degli americani che volevano un cambiamento, la fine di tutte le guerre e delle ipocrisie politiche che nascondevano dietro un’opulenza posticcia, un America delle sperequazioni e delle divisioni. 

Quell’America è arrivata a noi, oggi, con le sue meraviglie sempre più splendenti ma con le sue contraddizioni ancor più marcate. Questo film è un’ottima analisi per capire da dove è partita quell’onda anomala che ha portato la nazione più grande e opulenta di sempre al trumpismo.

Buona visione!

Potrebbero interessarti

video sperimentale

“Concatenation”: un video sperimentale

A volte non c’è bisogno di molte parole per descrivere un progetto. È il caso di questo Concatenation, video sperimentale realizzato da Donato Sansone con effetti sonori a cura di Enrico Ascoli dove si immagina una catena di eventi che raccoglie immagini prese da più fonti, unite con creatività e coerenza. Il...

krishnamurti

Krishnamurti: Come vincere la Paura [Video]

L’autore di questo video ha realizzato una selezione di pensieri di Jiddu Krishnamurti dedicati alla nostra capacità di vincere la paura, estrapolati da un discorso più ampio. Visto il periodo che stiamo vivendo per questa pandemia, la paura è un concetto che ci è vicino e che molti di noi cercano...

body painting

“So Random” di Alexa Meade – Il Body Painting per creare quadri viventi

La bellezza estetica dei lavori di Body Painting di Alexa Meade è ormai apprezzata in tutto il mondo. Anche importanti star internazionali hanno prestato il loro corpo per i suoi “quadri viventi”, come nel caso di Ariana Grande all’interno del suo video “God is a woman”. La particolarità del lavoro...

»