WEVAL – Someday [Video Musicale]

Someday è il video che è stato ideato e realizzato da Páraic Mc Gloughlin su richiesta di Weval.

Si tratta di un viaggio onirico nei luoghi della nostra quotidianità ma anche di uno sguardo dall’alto, veloce veloce veloce, che cerca di cogliere il tutto, o probabilmente fuggire dal tutto.

Come dicono gli autori:

Abbiamo mirato a creare un viaggio astratto con un senso di ambiguità che però, alla base, sottolina alcuni concetti fondamentali: Dove stiamo andando, stiamo andando nella giusta direzione? La nostra situazione di individui e di popoli sulla Terra è fragile, il pianeta stesso è delicato. Niente è certo; la vita può cambiare drasticamente in meglio o in peggio in un istante. Potremmo temere di perdere ciò che abbiamo ma cerchiamo di resistere.

Credits:

Immagini: fotografie dell’autore, tratte da Google Earth, da librerie a stock o di pubblico dominio.

Potrebbero interessarti

this must be the place

David Byrne e i Talking Heads – This must be the place [Video Musicale]

Il video musicale che vi presentiamo oggi è quello realizzato d David Byrne e dai Talking Heads per la colonna sonora ufficiale del film “This must be the place” di Paolo Sorrentino, egregiamente intepretato da Sean Penn. Per Sorrentino si è trattato del primo film girato in lingua inglese...

fotografia in time lapse

Fotografia Time Lapse: il Progetto “The Art of Night” di Mark Gee

La nostra WebTV oggi vi accompagna alla scoperta di un fotografo che ha dedicato molta parte della sua carriera alle immagini di cieli notturni. The Art of Night di Mark Gee, è un cortometraggio che raccoglie il meglio del suo viaggio astrofotografico. Contiene infatti immagini realizzate di quando ha iniziato...

Ascanio Celestini

Ascanio Celestini – “Dio al Supermercato” [Monologo]

In questi giorni complicati per tutti, a causa delle vicende legate al nuovo coronavirus COVID-19 che sta procurando così tante preoccupazioni nel nostro Paese, abbiamo deciso oggi di proporvi un breve monologo di Ascanio Celestini, “Dio al Supermercato”, per sorridere un po’ e cercare di sdrammatizzare senza dimenticare comunque...

»