Un Roman Polansky agli esordi – “Le Gros et le maigre” [Cortometraggio]

Uno schiavo interpretato dallo stesso Polansky, giovane, magro e a piedi nudi, suona contemporaneaamente un flauto e un tamburo per intrattenere il suo proprietario, intento invece all’ozio su una sedia a dondolo posizionata di fronte alla sua villa.

Lo schiavo salta e salta come un pazzo, deterge la fronte del padrone, lo nutre, gli lava i piedi, lo protegge dal sole con un ombrello e molto altro.

Una graffiante satira, metafora sulla libertà e le ingiustizie sociali, realizzata dall’autore nel 1961.

Buona visione!

 

Potrebbero interessarti

bolle di sapone

La magia delle bolle di sapone ghiacciate

Saranno questi giorni di afa inattesa, sarà perché comunque ci piace cercare la meraviglia là dove spesso dimentichiamo di cercarla, ma ci siamo innamorati di questo breve video, splendidamente realizzato, dove si vede che cosa accade alle bolle di sapone quando si trovano a contatto con la neve in...

essere creativi

Essere creativi: “My Strange Grandfather” [Cortometraggio]

Essere creativi non è semplice. Le persone che amano sognare a occhi aperti e trasformare con le loro azioni e con i loro pensieri il mondo che le circonda, spesso pagano il costo di essere incomprese, a volte derise, quando non addirittura emarginate. Ma quando qualcuno riesce a fermarsi...

»