Dear at Dusk – Il cinema sperimentale di Heather Taylor

Con le sue immagini poetiche e surreali, puro cinema sperimentale, Dear at Dusk è un’esperienza che trasporta. La singolare visione dell’autrice – Heather Taylor – ritrae emozioni in luoghi in cui qualsiasi dialogo avrebbe potuto soltanto intaccare la superficie.
Spostandosi invece tra fantasia e realtà, immaginazione e percezione, immagine e movimento, Heather raggiunge vette visive spettacolari con questo suo suggestivo cortometraggio: Dear at Dusk, un caleidoscopio onirico di sogni e ricordi.

Buona visione!

Potrebbero interessarti

Copertina FAllendo si impara Web

Laura De Benedetto, FALLENDO SI IMPARA

Si impara di più dai fallimenti che dai successi, perché sono gli errori che ci fanno crescere.   Fallendo si impara è un libro a due facce: quella che racconta casi umani, con cui entrare in empatia, o con cui, in parte, identificarsi, percorrere le emozioni e i sentimenti,...

Copertitna Un ombra è soltanto un ombra WEB

Leandro Giribaldi, UN’OMBRA E’ SOLTANTO UN’OMBRA

Ventotto maestri del passato raccontano che cos’è – per loro – il cinema. Con umiltà, orgoglio, reticenza, perentorietà, contraddizioni: quello che c’è dietro la scelta di un soggetto, di un’inquadratura, di un certo tipo di illuminazione, della recitazione di un’attrice o di un attore, del montaggio, di un particolare...

Copertina Lividi d’angoscia Web Ombra

Elena Cardona, Lividi d’angoscia

Un viaggio emotivo, attraverso la poesia e l’illustrazione, nella mente di una ragazza che convive da anni con il disturbo borderline di personalità   Un progetto originale dedicato alla produzione giovanile, che vede la collaborazione di una poetessa e di un artista visivo. In origine esisteva un libro di...

»