Dear at Dusk – Il cinema sperimentale di Heather Taylor

Con le sue immagini poetiche e surreali, puro cinema sperimentale, Dear at Dusk è un’esperienza che trasporta. La singolare visione dell’autrice – Heather Taylor – ritrae emozioni in luoghi in cui qualsiasi dialogo avrebbe potuto soltanto intaccare la superficie.
Spostandosi invece tra fantasia e realtà, immaginazione e percezione, immagine e movimento, Heather raggiunge vette visive spettacolari con questo suo suggestivo cortometraggio: Dear at Dusk, un caleidoscopio onirico di sogni e ricordi.

Buona visione!

Potrebbero interessarti

film

Samuel Beckett: “Film” con Buster Keaton

“Film” è l’unica esperienza che Samuel Beckett ebbe mai con il grande schermo. Per portare il grande autore a cimentarsi con la scrittura per il cinema ci volle il regista Alan Schneider, che non soltanto convinse l’autore a questa prova ma lo fece rappacificare con Buser Keaton, dopo che...

Human The Movie

“Human’s Music”: la ricchezza della diversità [FILM]

La gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga il biglietto. – Charles Bukovski Umanità… quanto sarebbe più facile leggere l’altro se conoscessimo la parte di mondo dov’è cresciuto, se avessimo la forza di scrutare le storie dietro ai volti, come fa benissimo questo meraviglioso film-documentario...

sotto casa

“Sotto casa”: l’eterna lotta per un posto auto [CORTOMETRAGGIO]

Diciamoci la verità, il clima, le guerre, la siccità, la salute, i figli, le bollette… sono tutti problemi che rendono la nostra vita a tratti faticosa. Ma c’è qualcosa di più grande, di preponderante, di stressante che ci angustia: trovare un posto auto sotto casa. In questo delizioso e...

»