Grace Jones – Slave to the Rhythm [Video Musicale]

Uscito il 28 ottobre 1985, Slave to the Rhythm è il settimo album registrato in studio dell’incomparabile cantante, cantautrice, produttrice, artista, attrice, top model e provocatrice, la signora Grace Jones.

Considerato quasi come una biografia, il disco è un concept album in cui ognuno degli otto brani contiene estratti di un’intervista che l’artista aveva rilasciato al giornalista Paul Morley.

Dopo Living My Life del 1982, con il classico singolo “My Jamaican Guy”, la Jones si prese una pausa dalla musica durante la quale fece il suo debutto come attrice al fianco di Arnold Schwarzenegger nel film Conan the Destroyer del 1984, per poi proseguire indossando l’abito del cattivo nel film di James Bond del 1985, A View to Kill.

Con la sua canzone più iconica, la title track “Slave to the Rhythm”, il disco sarà uno degli album di maggior successo commerciale della carriera di Jones, secondo solo al Nightclubbing del 1981.

Con Slave to the rhythm la Jones ha usato la sua fama e la sua visibilità senza precedenti per realizzare un disco profondamente concettuale e stimolante. Sebbene contenga meno successi a sé stanti rispetto agli altri album più importanti di Jones, Slave to the Rhythm è un’opera di una delle artiste più originali e provocatorie del suo tempo.

Grace Jones era, ed è tuttora, un’icona senza paragoni. Mescolando la musica con la moda, le belle arti e il cinema, e sfidando eternamente le comuni nozioni di genere, femminilità, razza e buon gusto.

Buon ascolto!

Potrebbero interessarti

Copertitna Un ombra è soltanto un ombra WEB

Leandro Giribaldi, UN’OMBRA E’ SOLTANTO UN’OMBRA

Ventotto maestri del passato raccontano che cos’è – per loro – il cinema. Con umiltà, orgoglio, reticenza, perentorietà, contraddizioni: quello che c’è dietro la scelta di un soggetto, di un’inquadratura, di un certo tipo di illuminazione, della recitazione di un’attrice o di un attore, del montaggio, di un particolare...

Copertina FAllendo si impara Web

Laura De Benedetto, FALLENDO SI IMPARA

Si impara di più dai fallimenti che dai successi, perché sono gli errori che ci fanno crescere.   Fallendo si impara è un libro a due facce: quella che racconta casi umani, con cui entrare in empatia, o con cui, in parte, identificarsi, percorrere le emozioni e i sentimenti,...

Copertina Lividi d’angoscia Web Ombra

Elena Cardona, Lividi d’angoscia

Un viaggio emotivo, attraverso la poesia e l’illustrazione, nella mente di una ragazza che convive da anni con il disturbo borderline di personalità   Un progetto originale dedicato alla produzione giovanile, che vede la collaborazione di una poetessa e di un artista visivo. In origine esisteva un libro di...

»